Il progetto si propone di incrementare e consolidare nei nostri territori l’esperienza della “prossimità” familiare quale forma di solidarietà tra famiglie fondata sulla realizzazione di esperienze di accoglienza e sostegno con finalità preventive a nuclei in difficoltà.

L’azione che proponiamo prevede la promozione della nascita di una rete socio-educativa tra le famiglie del territorio; si propone cioè di mettere in contatto ed avvicinare due famiglie: le prime si potrebbero definire ‘risorsa’ per le altre famiglie poichè disponibili ad esercitare un’azione di aiuto e rinforzo nel quotidiano alle com- petenze e alle responsabilità genitoriali. Contribuiscono inoltre ad ampliare la rete delle relazioni sociali della famiglia affiancata che spesso vive in condizioni di “isolamento sociale”. Le famiglie solidali, (coppie con o senza figli o single) possono mettere a disposizione un po’ del proprio tempo, per qualche ora al giorno, per fare i compiti, per fare merenda o sport, per il fine settimana a seconda del biso- gno emergente e della disponibilità offerta.

Le operatrici del progetto raccolgono le richieste portate dagli operatori dei Servizi Minori e Famiglia presenti nei Comuni del Distretto di Pieve Emanuele. insieme a loro valutano il bisogno specifico e la compatibilità con le ri- sorse presenti sul territorio. Si occupano di presentare, accompagnare la famiglia risorsa all’avvio dell’intervento e di monitorarlo costantemente. Durante il percorso vengono effettuati momenti di verifica con il SMF.

L’equipe ha attivato inoltre azioni di promozione e sensibilizzazione del territorio al fine di raccogliere adesioni da parte di famiglie che offrono la loro disponibilità.

FAMIGLIE DI PROSSIMITÀ

Equipe composta da: Educatore professionale, assistente sociale, psicologa.

Soggetti in rete: Pratica è in ati con Cooperativa Arti & Mestieri sociali, in rete con Comuni del Distretto di Pieve Emanuele, realtà associa- tive, parrocchie, scuole.

Coordinatrice: Dott.ssa Paola Rossi

AFFIDO